talkING è il forum del CNI, ideato e gestito dalla sua Fondazione. Aperto a tutti gli iscritti agli Ordini degli ingegneri territoriali, rappresenta un nuovo spazio di partecipazione alla vita ordinistica in cui si potranno approfondire i temi di maggiore interesse per la categoria.

talkING offrirà la possibilità agli iscritti di entrare in contatto fra loro, proponendo argomenti e confrontando le proprie idee per la tutela e lo sviluppo della professione. Gli spunti più interessanti andranno ad alimentare il dibattito del Precongresso, le cui conclusioni saranno materia del prossimo Congresso Nazionale di Sassari.

  1. RAFFAELE.ACAMPA.NA16275
  2. Professione
  3. Lunedì, 08 Aprile 2019
Avendo più volte superato il limite massimo di caratteri consentiti, nonostante i vari tagli nelle revisioni successive, mi son trovato costretto ad allegare un file alla presente.

Grazie
Allegati
Commento
Non ci sono ancora commenti per questo post
Risposta accettata In attesa di moderazione
0
Voti
Annulla
Condivido il pensiero dei tantissimi di "ELIMINARE L'OBBLIGO DELLA PARTECIPAZIONE AI CONVEGNI..." e di togliere gli inutili CFP.
Snellire burocrazia, tasse e leggi inutili.
Commento
Non ci sono ancora commenti per questo post
  1. più di un mese fa
  2. Professione
  3. # 1
Risposta accettata In attesa di moderazione
0
Voti
Annulla
Pienamente d'accordo.
I crediti formativi, nella forma attuale, sembrano una tassa mascherata. Anzi peggio: preferirei pagare una tassa che dover perdere otto ore per assistere a un corso inutile.
Confesso di aver seriamente preso in considerazione l'idea di lasciare l'Ordine a causa di questa fastidiosa imposizione.
Non saprei quale suggerimento costruttivo dare: ho sempre preferito studiare per conto mio che affidarmi a professori che nient'altro fanno se non ripetere ciò che già ho trovato sui libri. Quindi per me non funzionerà mai.
Commento
Non ci sono ancora commenti per questo post
  1. più di un mese fa
  2. Professione
  3. # 2
Risposta accettata In attesa di moderazione
0
Voti
Annulla
Certificare in modo più corretto ed efficace (aumentando il numero di crediti attribuibili) l'attività professionale riservando corsi e seminari al completamento della formazione in modo marginale per chi svolge in modo continuativo la professione. Chi non svolge la professione o la svolge nel tempo libero obbligo di formazione con gratuità per i giovani professionisti e costi maggiorati per chi svolge lavori dipendenti.
Commento
Non ci sono ancora commenti per questo post
  1. più di un mese fa
  2. Professione
  3. # 3
Risposta accettata In attesa di moderazione
0
Voti
Annulla
La formazione continua potrebbe essere utile ed importante, ma non sempre è possibile realizzarla. Lavoro nel settore avionico e mi occupo di sistemi carburante e di processi DO-254. Per i sistemi carburante gli esperti in Italia si contano sulle dita di una mano. Per la DO254 l’esperto in assoluto è un americano che non farà mai corsi certificati. Per fare crediti, ho dovuto fare corsi online accreditati su tutto e di più ma mai un corso utile per il mio lavoro. La norma esiste, ma non è garantita la formazione continua per tutti. Ritengo quindi la norma non applicabile, ingiusta e quindi inutile. È necessario un intervento immediato e drastico.
Commento
Non ci sono ancora commenti per questo post
  1. più di un mese fa
  2. Professione
  3. # 4
Risposta accettata In attesa di moderazione
0
Voti
Annulla
I CFP sono stati introdotti non per garantire un livello di professionalità alto, ma solo per permettere un guadagno economico non indifferente a tutte le aziende di formazione accreditati. Soldi facili e veloci, con corsi erogati che non coprono tutte le esigenze, professori dalle competenze discutibili, insomma....inutile continuare. Spero che gli ordini, il consiglio nazionale e le istituzioni in genere possano verificare questa triste realtà per cercare di ripristinare la cosa in modo decente.
Commento
Non ci sono ancora commenti per questo post
  1. più di un mese fa
  2. Professione
  3. # 5
Risposta accettata In attesa di moderazione
0
Voti
Annulla
Tutto assolutamente condivisibile, ma DOVE VOGLIAMO ANDARE E COSA VOGLIAMO FARE?
Sono del parere che molti dei problemi irrisolti che assillano la nostra categoria derivano dall'operato (in realtà è più corretto parlare di "mancato operato";) delle nostre rappresentanze, sia in ambito locale che in ambito nazionale.
La legge oramai esiste, va rispettata e gli ORDINI DEVONO FARLA RISPETTARE.
Tuttavia possiamo cercare di cambiarla.
Come? Confrontiamoci e stabiliamolo.
C'è tuttavia il concreto rischio che il nostro lavoro venga vanificato dai nostri rappresentanti.
Quindi? ORGANIZZIAMOCI PER ELEGGERE RAPPRESENTANTI CHE CI RAPPRESENTINO.
Solo facendo riconoscere gli iscritti nell'operato dell'Ordine (e l'Ordine nell'operato del CNI) si può far nascere una categoria coesa e interessata a partecipare alla costruzione del proprio futuro.

Cristina Marsetti
Commento
Non ci sono ancora commenti per questo post
  1. 3 settimane fa
  2. Professione
  3. # 6
  • Pagina :
  • 1


Non ci sono ancora risposte per questo post.
Tuttavia, non ti è permesso rispondere a questo post.